Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
 
Cosa è la strage di Charlie Hebdo
  • Un attacco alla libertà di tutti
    37,3%
  • I fondamentalisti islamici sono un pericolo
    44,8%
  • Un complotto dei servizi segreti
    17,8%
 
Aggiungi commento
LE GUERRE DI VAURO di Vauro Senesi (Aliberti, 2011)
martedì 21 febbraio 2012 10:59

Prossime presentazioni

• 18 luglio 2012 - Pietrasanta (LU) Bagno Pietrasanta (Viale Roma 12, Marina Di Pietrasanta, LU Tel. 0584 22206, ore 20.30.

Contro l'orrore della morte decisa a tavolino
La guerra: veicolo di morte con cui in troppi - politica e finanza in specie - giocano, sulla pelle di coloro che costringono a parteciparvi. Solidale, pacifista, impegnato in prima persona contro "il" dramma per definizione: lui è Vauro Senesi, che si afferma con il proprio pensiero nel suo libro.

La scheda del libro sul sito della casa editrice:
"LE GUERRE DI VAURO" (Aliberti Editore, 2011).





Se ne è discusso, appassionatamente, alla libreria Feltrinelli di Galleria Sordi, a Roma, dove il direttore de IL MALE ha presentato il volume. Vivace e schietto come suo solito, Vauro non ha fatto sconti ad alcuno né tanto meno ignorato ruoli, personaggi, accadimenti. Come nel caso degli aerei che l'Italia si appresterebbe ad acquistare: "Un spesa di miliardi già decisa dal precedente Governo e non revocabile, è vero. ma nel quale il responsabile dell'operazione era l'ammiraglio Giampaolo Di Paola, attuale ministro della Difesa. Sempre gli stessi individui quindi, anche se in posizioni differenti!".

Vauro, ma secondo lei perchè l'Italia non è la Grecia? Solo perchè non licenzia i suoi pubblici dipendenti o perché la parola 'confitto' che il sindacato di base evoca non ha ancora attecchito?: "Anche se questo lo ripete spesso il Presidente della Repubblica, io mi chiedo cosa sia davvero la Grecia. Credo che sia cinico tirarla in ballo, come del resto l'Argentina. La verità che non si dice riguarda la banche; chi può affermare che, facendo ciò che chiedono, la desertificazione non arrivi pure da noi? E se andiamo a vedere le ricette che la Ue ha offerto alla Grecia, ci rendiamo conto che sono le stesse che il Governo tecnico ha dato all'Italia. Quando si entra in certi discorsi appare poco chiaro quali siano le cause e quali gli effetti della crisi: di certo vi è che i tagli si abbattono su scuola, sanità, ricerca. E delle ricette targate-Fondo Monetario Internazionale ne sanno parecchio proprio gli Argentini. Ma vado oltre: vi è una logica stringente fra forza finanziaria e forza militare, una logica che vede la produzione di armi e ordigni militari l'unica che prolifica. Ma se si da precedenza alla guerra e se si scardina il diritto alla pace, allora vengono meno pure tutti gli altri diritti. Per me, le guerre servono al mantenimento del privilegio di alcuni Paesi a discapito di altri: le guerre per il petrolio lo dimostrano".

Dopo la risposta a Prismanews l'autore si è soffermato su guerra e dintorni. Da quella che si consuma nella società italiana a quella brutale che insanguina Afghanistan, Libia, ecc. Vauro le definisce entrambe 'mafiose': "Se i rapporti fra Stati o persone si basano sulla forza, essi praticano e attuano la logica della mafia. I loro servitori, con o senza alamari, altro non sono che mafiosi!".

Di guerra si muore anche se se ne parla poco. "Si parla poco di Kabul, di Gaza, di Tripoli, di Baghdad. Ciò che mi inquieta è che l'orrore per la guerra dovrebbe essere sempre presente nelle nostre vite, dovrebbe coinvolgere puree noi che ne parliamo e non solo coloro che ne muoiono. Ma che cosa possono avere appreso gli abitanti dell'Afghanistan dopo 40 anni di conflitti? Che cosa rimane nel loro animo? E che cosa rimane nel nostro, quando dobbiamo ascoltare di guerre 'giuste'?".

Afghanistan come paradigma: prima territorio della guerra 'giusta' combattuta dagli indigeni contro i Russi, dopo area dei Talebani. Chi prima era un amico poi è divenuto un nemico, con una velocità da record. "Altrettanto inquietante ascoltare chi parla di guerra 'umanitaria': il primato non è stato di D'Alema in noccasione dei fatti di Bosnia bensì di Hitler, che ne parlò quando decise di invadere l'Est europeo a tutela dei Sudeti.".

Vauro ha quindi rammentato le sue esperienze accanto a EMERGENCY e a Gino Strada - che in questi giorni sta sostenendo, invitando tutti a fare donazioni affinchè si possa aprire un altro ospedale - nelle condizioni più terribili che uomo possa immaginare. "La differenza fra me, uomo libero, e gli altri è che io posso decidere se andare in guerra e poi venirne via, chi la vive e la subisce è privato di tale libertà e ha come speranza quella di riuscire a sopravvivere. In Italia esiste una memoria emotiva che si accende quando qualche nostro soldato muore - e poi si spegne - oppure vive di fiammate, come nel caso di Gheddafi: ucciso lui, di Libia non si parla più. Come se tutto fosse stato risolto".

Le solite ipocrisie della politica egoista e calcolatrice.
"La stessa che continua a credere che la pace sia spendibile come una fiche nella sfida fra poteri".

Il libro: "LE GUERRE DI VAURO" (Aliberti Editore, 2011)Prefazione di Nicolai Lilin
Fonte: PRISMA NEWS

Commenti
  • Dillian 07/05/2016 alle 04:18:52 rispondi
    yGexifTEOSQguBtyb
    So excited I found this article as it made things much quieckr!
  • Lyndall 07/05/2016 alle 20:55:21 rispondi
    bZYclwuQmwhd
    PaauvsconirDts. nu ati inteles nimic din mesajul meu. Nu aduc un omagiu scolii romanesti, dar nici celei franceze : le cunosc foarte bine pe amandoua, si nu din povestiri, ceea ce sigur nu-i cazul dvs.Remarc doar ca acea comparatie facuta este superficiala si fortata, asa ca nu-si are rostul. Doar ca sa mai dea nastere la o postare. Mai degraba prostrare. http://iymxjotow.com [url=http://nrsmsfbomqi.com]nrsmsfbomqi[/url] [link=http://fmyeofj.com]fmyeofj[/link]