Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
 
Cosa è la strage di Charlie Hebdo
  • Un attacco alla libertà di tutti
    37,3%
  • I fondamentalisti islamici sono un pericolo
    44,8%
  • Un complotto dei servizi segreti
    17,8%
 
Aggiungi commento
Con Tsipras
domenica 9 febbraio 2014 18:46

CON TSIPRAS.
''L'Italia non e' la Grecia''. Ce lo hanno ripetuto tutti da Berlusconi a Letta passando per Monti. Come un mantra rassicurante. Rassicurante soprattutto per loro stessi. L'ITALIA E' LA GRECIA: In Italia, come in Grecia, sono i lavoratori, i disoccupati, i giovani, i pensionati a pagare in vite i costi delle ''Ricette anti-crisi'' dettate dalla troika. L'ITALIA NON E' LA GRECIA perche' in Italia non c'e' più' una sinistra organizzata che affermi e difenda i diritti offesi e negati ed in Grecia invece c'è, cresce e conta. La nostra sinistra ha abdicato a se stessa ed ai propri valori fondativi. Si è fatta garante ed interprete di quelle stesse sciagurate ricette neo-liberiste lungi dal contrastarle e dall'elaborare e proporre idee alternative o si è dispersa nei mille rivoli del settarismo, della disillusione asfittica e dei personalismi patetici. ''Sinistra e destra sono categorie superate, antiche'' teorizzano e sbraitano vecchi e nuovi capipoplo. ''Noi siamo oltre'' declamano enfatici. Io penso che ''oltre'' la sinistra ci sia solo la destra e gli interessi potenti che rappresenta e difende. Sono convinto che non si debba ''superare'' la sinistra ma costruirla la' dove non c'è più o dove è ridotta ai minimi termini. Non sono ''oltre''. Sono qui. Con voi compagni della lista Tsipras. Vauro